Torna alla Scheda

Flashback

Fabrizio Fiorente

Quell'extraurbano sembrava quasi cullarmi ed io desideravo infinitamente che quel viaggio non trovasse mai fine. In quel momento riflettei su di una cosa che da molto tempo mi frullava nella testa. Secondo me le immagini, i ricordi, i suoni e addirittura i sapori e gli odori, che è piacevole percepire di nuovo dopo tanto tempo, mentre li vivi realmente sembrano percezioni banali, cose normalissime. Quando invece tornano nella mente sotto forma di flashback capisci che quei momenti, anche se apparentemente irrilevanti, erano belli, altrimenti non ci si ripenserebbe così intensamente. Così, proprio in quel momento, scattai una foto che impressionai sul rullino della mia memoria. I miei occhi erano l'obiettivo e il finestrino di quell'autobus la cornice di un quadro che non scorderò mai.

La formattazione di questa pagina è a cura dell'Artista dell'Opera