Torna alla Scheda

FILIGRANE

Carmela Tuccari e Carmela Tuccari

"Si lasciano mai le case dell'infanzia?

Mai: rimangono sempredentro di noi, anche quando non esistono più..."

(Ferzan Ozpetek)

 

LU ME PAISI

(Castigghiuni)

Supra na cricchia di munti

una attagghiu a nautra, casi

stringiuti comu fratuzzi

quannu çiuscia lu rraiesi

e, si ‘ncugna lu friddu ‘ranni

sutta na cutra jianca

abbrazzati, cu l’occhi

ca perciunu lu scuru.

 

Chistu è lu me Paisi

figghiu di na terra

rrusciana e trapulera

unni l’ummira sfatta

di li petri spriparati

cunta li fatti antichi

d’amuri e patrunanza

all’acqua di lu ciumi

ca lu vasa.

Iu cci lassai rradichi

di cori ‘nta stu locu,

e frinzi di carusanza

‘mpinti a rami chiumputi.

Ma ora ca lu tempu scancau

li rami di la cerza ranni

e lu ventu furanu

sbrizziau li nidira

‘ntra lardichi, a la campia,

c’haia turnari a fari

ppi salutari li me morti,

si lu tritrattu d’iddi

portu stampatu nta lu pettu?

IL MIO PAESE*

Sopra la cresta di un monte

una accanto all’altra, case

strette come fratellini

quando soffia il vento

e, se incombe il gran freddo,

sotto una bianca coltre

abbracciate, con gli occhi

che trafiggono il buio.

 

Questo è il mio Paese,

figlio d’una terra

prosperosa e menzognera,

dove l’ombra disfatta

delle pietre sconnesse

racconta antiche leggende

d’amore e prepotenza

all’acqua del fiume

che lo bacia.

Io ho lasciato le radici

del cuore in questo luogo

e frammenti di giovinezza

impigliati a fronde infoltite.

Ma ora che il tempo ha spezzato

i rami della grande quercia

e un vento estraneo

ha disseminato i nidi

tra le ortiche, alla campagna,

perché mai devo tornare

a salutare i miei morti

se la loro immagine

porto scolpita nel mio petto?

* Castiglione di Sicilia

 

‘NA SCORCIA DI VARCA

 

Scìddica supra la sita

di ‘n-muccaturi di mari

‘n-carricu d’ummira

fiddiannu lu scuru.

 

Na truscia di çiatuni

e di miseria ‘ncasciata

ca trantulìa di friddu

intra na scorcia di varca.

 

Na carrittata d’occhi

scaddarizzati ‘nta nuttata

-faiddi ca scattiunu

supra na ‘ncùnia di spranza -

scugna lu tempu e lu disiu

p’attraccari ‘n prescia

a ddi praji scanusciuti

di rina 'ntrallazzata ppi oru.

 

E la luna s’ammuccia

'ffruntusa di taliari

la raggia di lu mari,

linzolu ‘mpagghiazzato

ca s’ammogghia lu çiatu

e li spranzi ‘nzalanuti

pi cummigghiari, a jiornu

‘n campusantu senza cruci.

 

UN GUSCIO DI BARCA

 

Scivola sopra la seta

d’un fazzoletto di mare

un carico d’ombra

fendendo l’oscurità.

 

Un fagotto di respiri

e di miseria ammassata

che trema per il freddo

dentro un guscio di barca.

 

Una manciata d’occhi

sgranati nella notte

-faville scoppiettanti

sull’incudine della speranza -

spinge il tempo e il desiderio

per approdare in fretta

a spiagge sconosciute

di sabbia contrabbandata per oro.

 

E la luna si nasconde

vergognosa di guardare

la rabbia del mare,

lenzuolo spiegazzato

che travolge la Vita

e le speranze intontite

per poi coprire all’alba

un cimitero senza croci.

 

SICILIA MIA

( terra d’arti e d’amuri )

 

Sciumara di bbiddizzi

calau ‘nta sta Terra

d’aranci e mannarini

di vigni e d’alivara

e di mennula …amara

comu la to praneta.

 

Terra mia di Sicilia

Terra d’arti e d’amuri

ca ti lassai … e t’attrovu

chiantata ‘nta lu cori.

 

Ti çiurisciunu a rrappu

‘nta ll’arma li riordi,

‘mpastata di “grecizza”

lu passatu nun scordi.

Scugnasti lu Nurmannu

e li ‘ngrati sarracini

di spagnoli e francisi

tastasti li catini.

Fusti naca di littra

chiumazzu di puisia

ma nun t’arricanusci

cu si ‘nciammau di tia.

Mmischi merri e marvizzi

fai d’ogn’erba ‘n fasciu

e cunfunni ricchezza

cu rrobba di ‘ntrallazzu.

 

Terra mia cirividdina

ca mi fai nesciri pazzu!

Comu n’amanti rara

tu mi fai sfirniciari,

lu çiatu trapuleri

ti svinni a la vintura

e na bbona cungnintura

amcora nun canusci.

Iù ‘n-jornu ti lassai

ca nun nni potti chiui

di li pinzati toi

ma nun pozzu scippari

dintra lu pettu miu

sti rradichi d’amuri.

 

SICILIA MIA

( terra d’arte e d’amore )

Fiumi di bellezza

scorrono in queste plaghe

d’aranci e mandarini

di vigne e d’uliveti

e di mandorle amare

come il tuo destino.

 

Terra mia di Sicilia

Terra d’arte e d’amore

che un dì lasciai … e ritrovo

scolpita dentro il cuore.

 

Ti fioriscono a grappoli

nell’anima i ricordi

impastata d’arte greca

il passato non scordi

Hai scacciato il Normanno

e gli ingrati saraceni

di spagnoli e francesi

provasti le catene.

Culla di lettere fosti

e guanciale di poesia

ma più non ti riconosce

chi di te s’innamorò.

Metti insieme i contrasti

fai d’ogni erba un fascio

e confondi ricchezza

con ciò che meno conta.

 

Terra mia stravagante

che alimenta la pazzia.

Come un’amante rara

mi fai arrovellare

L’animo ingannevole

svendi alla ventura

e fortuna favorevole

ancora tu non trovi.

Un giorno ti ho lasciato

non sopportando oltre

le tue stramberie

ma ora ti ritrovo

scolpita nel mio petto

perché non posso strappare

quelle radici d’Amore!

 

QUANTU STIDDI… STASIRA

 

Festa rranni stasira ‘nto quartieri…

Vampi, vamparigghi e luminaria

fanu a cazzotti cu na timugna ‘i stiddi

ca trapungi ‘n-celu ‘nzalanutu.

E’ la notti ca nasciu lu Bammineddu!

 

Quantu stiddi ‘nta l’ariu nettu

ca nun paventa trona …

 

Ci penzi, Ninu, quann’erumu carusi?

Ppi novi siri cu ddi naschi all’aria

‘mmenzu a ‘n “turri turri” di prijieri

spittaumu la Stidda ca calava

supra na rrutta cognita e friddusa.

C’era na ciaramidda arriciatata

ca scudduriava ghiommira di sonu,

na Cona mpalacciunata ‘nta na gnuni

- autuna pi nuautri picciriddi –

e c’era sutta a ‘n-celu ‘i spinapulici,

‘n-capizzali ‘i Sangnuseppi cu Maria,

‘n-angilu di cartuni appisu a ‘n-filu

e, supra lu lippu friscu, quattro pasturi

di crita a menza facci, tri picureddi

e p’urnametu aranci e mandarini . . .

 

C’era la bona palora a coffi chini

e si manciava . . . pani e cuntintizza!

Nta l’ariu nettu riuturi lontani

d’apparecchi ‘ngrisi e miricani …

 

Chi lustru ‘nta sti strati novi, Ninu!

Ma nun nasciu ‘nta pagghia lu Bamminu?

Forsi dda Stidda spirlucenti d’Amuri

ristau ‘nte vrazza di na manciatura …

 

Oppuru na videmu, ‘lluciati comu semu

di l’oru fauzu ca nni llinghi li manu

e nni svacanta lu cori. Manu d’omu

ca mastriunu cruci e munciunu vileni

ppi tanti “bammineddi” di sta terra,

ppi tutti li “cristi” c’appillamu frati …

Ma quantu stiddi, stasera, Nino!

 

QUANTE STELLE … STASERA

 

Festa grande stasera nel quartiere.

Fuochi, fuocherelli e luminarie

fanno a pugni con un’ ammucchiata di stelle

che trapunge un cielo imbambolato.

E’ la notte in cui è nato il Bambinello!

 

Quante stelle nell’aria serena

che non paventa tempesta …

 

Ci pensi, Nino, quando eravamo ragazzi?

Per nove sere col nasetto in su

in mezzo allo snocciolare di preghiere

guardavamo la Stella posarsi

sopra una grotta solitaria e fredda.

C’era una cornamusa roca

che dipanava gomitoli di suono,

un’icona sui pali, in un angolo

-altissima per noi piccoli –

e c’era sotto un arco di pungitopo

il capezzale con Maria e Giuseppe,

un angelo di cartone appeso a un filo

e, sopra il muschio fresco, quattro pastori

di creta a mezza faccia, tre pecorelle

e per ornamento arance e mandarini.

 

C’era una buona parola per tutti

e si mangiava … pane ed allegrezza.

Nel cielo sgombro rombi lontani

d’aerei inglesi e americani…

 

Che luminosità nelle strade nuove, Nino!

Ma non è nato nella paglia Gesù Bambino?

 

Forse quella Stella rilucente d’Amore

è rimasta nelle braccia d’una mangiatoia

o non la vediamo, abbagliati come siamo

dall’oro falso che ci riempie le mani

ma ci svuota il cuore. Mani d’uomo

che costruiscono croci e spremono veleni

per tanti bambini di questa terra,

per tutti i “cristi” che chiamiamo fratelli.

Ma quante stelle, stasera, Nino!

 

MUNGIBEDDU

(ETNA patrimonio dell’umanità)

 

S’arrusbigghia a ‘ntrasatta

Mungibeddu… Spapura

fumuliziu e cutigghiuni

e ‘ntra tramusciu e riuturi

scunsenti tempu nenti

la terra addurmisciuta.

Vampati sciuscia all’aria

cu furia, comu fussi

raggia di sangu caudu

‘ntasatu nte vudedda

di quannu ruzzuliau

lu munnu‘ntra li stiddi.

E l’azolu si fa niuru …

Na neula, ca cummogghia

lu suli, sparma ummira

e cerni cinniri e rina

supra casi e campagni

E lu cori si fa nicu …

Ppoi, quannu scura, milli

e milli faiddi sgriddunu

a mparparari lu celu

e ‘n çiumi di lava scinni

fiddiannu la sciara

çiuruta di jinestra.

E ti rizzunu li carni …

E si ‘ntartagghia lu cori …

Prijeri e prumissioni

uti a madonni e santi,

scurdati u jiornu appressu,

‘nzina a quannu Vulcanu

s’appagghia e s’arrizzetta

e‘ntuttuna u sangu stagghia …

Chista è la nostra Muntagna

matri e matrastra ‘nzemula

‘n-çiarma la vista cu biddizzi funni

… ma quannu s’incazza sciamina

muffittuni a unni pigghia pigghia.

 

MONGIBELLO

 

Si desta all’improvviso

Mongibello. Evapora

fumo e pietrisco

e tra scossoni e rumori

scuote in poco tempo

la quiete della terra.

Soffia vampe all’aria

con furia, come fosse

rabbia di sangue infuocato

trattenuto nelle viscere

da quando il mondo ruotò

vorticosamente tra le stelle.

E l’azzurro si fa scuro …

Una nuvola che copre

il sole diffonde l’ombra

e sparge cenere e sabbia

su case e su campagne

E il cuore si stringe …

Poi, quando si fa buio, mille

E mille scintille sgusciano

a impallinare il cielo

e un fiume di lava scende

fendendo il basalto

fiorito di ginestra.

E un fremito ti prende

E ti s’inceppa il respiro

Quante preghiere e promesse!

Si fanno voti ai santi, alla Madonna,

dimenticati il giorno dopo,

fin quando Vulcano

s’assopisce e la smette

e il sangue caldo si rapprende …

Questa è la nostra Montagna,

madre e matrigna insieme

ci sorprende con la sua bellezza

… ma quando s’arrabbia dispensa

ceffoni a destra e a manca.

 

 

 

 

La formattazione di questa pagina è a cura dell'Artista dell'Opera