Torna alla Scheda

Sant'arcomìncia

Giacomo Giannini

Sant’arcomìncia

S’antarcomìncia l’lunedì

‘n era marte o venardì,

toccava a rcòglie su nnigò

a gì giù i campi e li de o’;

‘n se stèra miga sul paese,

tutti a corre giù la maése,

vanga, sappa o qualche traggia

«Daje giù, nisciùno sgàggia!»

Se gèra giù madìna e sera,

òste come se gèra!

Chi la somènte, chi la falciòla

a carcà su tutto nte la cariòla;

se luccava e baccajàva

cambiava poco, se fadigava,

sole, caldo e tanta tigna,

scrocciolàda, la mèjo pigna.

Ce se ddocchiàva a mezzodì

e su de corsa a benedì,

boccolòtti poesse c’era,

festa granda sci se fèra;

de fuga tutti a consumà

po’ giù i campi a rtribbolà:

guernà l’oghe e chiude i ca’

l’guèro e l’gallo, se giva a ca’.

Calàdo l’giorno, col’fògo dréndo,

tutti a sede a magnà l’dindo;

stufi e sfranti ‘n gran bel po’

se stèra a letto a patì anco’,

a bocca dansù tutti a rcoràsse

ma l’giorno dopo toccava ardàsse,

‘n era ora de’ fa ‘na grìncia,

era anco’ Sant’arcomìncia.

La formattazione di questa pagina è a cura dell'Artista dell'Opera