Torna alla Scheda

La valle dai sassi che ridono

Andrea Tessaro

“Sono capitato nel bel mezzo di una tragedia greca, pensai. Il capro espiatorio, il pharmakos, dev’essere espulso per purificare la comunità.”

 

“Accanto a una tipologia di uomo selvatico che includeva ogni forma di diversità, di trasgressione, di follia, di emarginazione volontaria e non, ne era diffusa un’altra, che faceva del selvatico una sorta di essere silvestre, per lo più ricoperto da peli, molto più alto o molto più basso dell’uomo, verso cui covava sentimenti di opposizione o rancore. Rimasi molto perplesso quando appresi, da mezze parole, pronunciate con circospezione e riluttanza dovute evidentemente alla mia presenza, che i sostenitori di questa versione gli attribuivano effettivamente la diffusione del contagio.”

La formattazione di questa pagina è a cura dell'Artista dell'Opera