Si stava meglio quando ci rubavano il nasino (Monti di ieri, Monti di oggi)

Nome Autore

Numero Like

ADBLOGO_PREVIEW.jpg

Testo mi piace

Le opere possono esser votate solo dai membri registrati di Artisti di Borgo.

Clicca qui per registrarti

Il tuo utente risulta bloccato.

Contattaci per informazioni.

Info

(...) Il Borgo che ci preoccupiamo di proteggere dalla dimenticanza e dalla banalità, dall’artificio e dalla siderale indifferenza è, quasi sempre, quello che si lega al ricordo dell’infanzia. Il risultato sorprendente di questo sentimento di protezione è che, salvando il ricordo dell’infanzia, si salva la memoria storica, ovvero il ricordo di quei grandi fatti che sono sfondo e cornice di quelli personali.

Più ricordi d’infanzia permettono di creare un affresco di memorie senza confini. Ecco come i racconti di “monti di ieri, monti di oggi” possono rivelare il filo conduttore che lega l’infanzia di più persone, e l’infanzia di ieri e di oggi, con quella di domani.

Attraverso il racconto, che sia orale o scritto, riscopriamo la magia della nostra età più bella, lo stupore, e la capacità di salvare la Storia senza mai alterarne la sostanza.

Quella capacità che solo i bambini hanno, e che gli adulti purtroppo perdono. E, siccome il tempo erode le spigolosità, ciò che resta dei momenti più bui della nostra infanzia, e della paura, del terrore, della fame, o della solitudine, non è che un ricordo dolce amaro che infine provoca nostalgia.

Così, che si tratti degli anni della guerra, della notte del terremoto, oppure dei mitici anni Ottanta, e a prescindere da chi sia il narratore, ogni racconto non può che chiudersi con l’adagio che “si stava meglio quando ci rubavano il nasino”.

 

(estratto della Premessa)

Gallery

Gallery

Altre Informazioni

Facebook.jpg
Linkedin.jpg
Instagram.jpg
logo youtube.jpg
In città
POIADB.jpg
0